Il Kerswap – 1/2 A Texaco di Gilbert Morris – 1942

Il modello in avanzata fase di costruzione

Costruzione eseguita da Renato Miele su disegno allegato alla rivista “Modellismo” n°8  del 1994 edito da Edizioni Modellismo Sas di Cesare De Robertis

Note storiche…

Il modello, denominato Kerswap, fu progettato dall’americano Gilbert Morris nel 1942.

Quest’ultimo era uno specialista nella categoria motomodelli e sempre ai vertici nelle gare AMA.

Volava motorizzato con un Ohlsson .19 con accensione elettrica e ciò determinò la necessità di fare un muso molto corto per avere un baricentro che non richiedesse eccessivo peso per il centraggio.

Ha un’apertura alare di cm.107 ed una superficie di 18.4 dmq.

La ricostruzione…in chiave moderna…

Il modello realizzato è rimasto penalizzato dalla motorizzazione elettrica e per centrarlo staticamente è stato necessario ricorrere a ben 80 gr. di piombo.

Per la costruzione si è stati costretti a ricavare tutti i listelli  (triangolari compresi) da tavolette con la difficoltà aggiuntiva – purtroppo- del tempo d’oggi, nel reperire il balsa.

In giro ho trovato solo balsa duro, pesante e poca disponibilità di spessori.

La ricopertura è stata fatta con solarfilm in due colorazioni.

Quanto al peso in ordine di volo, la cellula completa di elettronica, piombo per il centraggio statico e unica batteria per alimentazione motore e servocomandi, nonostante gli sforzi, la bilancia ha “vergognosamente” segnato gr.610.

Di seguito alcune foto significative delle varie fasi costruttive ed a modello finito.

Il punto di partenza… la centina alare

L’ala completa

Le fiancate della fusoliera

Il piano di coda quasi completo

Finalmente si riveste con Solarfilm

Il modello finito…

Ora non resta che fargli spiccare il volo!

Sperando di aver fatto cosa gradita nel presentarvi questa mia realizzazione, magari come stimolo ad iniziare una costruzione “tradizionale”, vista anche la stagione in cui ci troviamo, propizia a trascorre del tempo in laboratorio, pubblicherò le foto del collaudo non appena sarà possibile, confidando in una bella giornata .

03-11-2019                           Renato Miele

1 Commento

  1. Ciao Renato, bella realizzazione. Grazie per averci messo a disposizione il tuo lavoro.
    In effetti viene voglia di stendere un disegno sul piano di lavoro ed incominciare a mettere insieme qualcosa…

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*